ULTIM'ORA DEL 09/04/2011 ORE 21.24
ULTIMI SCAMPOLI AFRICANI E CALO TERMICO, RAPIDO FRONTE TEMPORALESCO MERCOLEDI'
Sole "africano" durante questi giorni
Configurazione barica per mercoledì 13
L'Anticiclone Africano che ci ha fatto assaggiare l'Estate si ritirerà piano piano dall'Italia. Rimarrà bel tempo e mite fino a martedì, ma non nei valori termici di questo weekend (valori termici tipici di luglio!), bensì con un calo termico nell'ordine di 5-6°C. Nella notte tra martedì e mercoledì, poi, un rapido passaggio temporalesco ci riporterà quasi in Inverno, andremo sottomedia di qualche grado e il calo termico sarà poderoso; arriveremo fino a 15°C in meno rispetto ad oggi e potremmo addirittura rivedere qualche spruzzata di neve sui nostri rilievi. A tal proposito gli spaghetti di Fossombrone (qui sotto) parlano chiaro! Sul finire di settimana, infine, un nuovo miglioramento e temperature di nuovo gradevoli, ma ci torneremo.....

 Immagine.bmp

Anticiclone all'ultimo respiro, in avvio settimana più fresco e rapido transito temporalesco
Tornerà la Primavera, o quasi. Le temperature caleranno in tutta Italia. Oramai è certo. Basta con tutto questo caldo. Lo stop verrà impresso da una circolazione d'aria fresca e instabile associata ad un nucleo ben più freddo in dislocamento sui Balcani.

Dall'Estate alla Primavera. Strano vero? Eppure è così. Quella che ci sta investendo è un'autentica ondata di caldo e la colpa è del famigerato anticiclone Africano. Italia, ma anche Francia, Spagna, parte del Regno Unito. Paesi accomunati da valori termici che hanno poco a che vedere con la stagione.
Oggi, per quel che ci riguarda, sarà senz'altro la giornata più calda. Lo abbiam detto stamane, nel Buongiorno Italia. E' probabile che cadano altri record storici perché le temperature saliranno ancora e i 30 gradi saranno di casa i numerose città peninsulari.
Ma finalmente le buone notizie. Domani, domenica, inizierà il decadimento anticiclonico e la prossima settimana si realizzeranno condizioni climatiche più consone al periodo.
La causa? Il Vortice Polare. Avete presente quella struttura ciclonica menzionata in Inverno? Quella "palla gelida" stazionante tra l'Articolo e il Polo? Ecco, se avverrà il cambiamento lo si dovrà a quella figura. Sino ad oggi era sbilanciata ad ovest, verso il Canada, e da quella posizione inviava assalti perturbati in pieno Atlantico. Da domani inizierà a spostarsi, dirigendo il nucleo principale tra la Groenlandia e la Scandinavia. Un nucleo secondario, alimentato da aria piuttosto fredda, punterà i Balcani e le correnti associate lambiranno l'Italia.
Domenica, ad esempio, spifferi più freschi da est si introdurranno al Nord Italia e guideranno una prima flessione termica. Nonostante le temperature si mantengano al di sopra della norma, si avranno condizioni climatiche più accettabili.
Al Sud, invece, agirà una ventilazione settentrionale abbastanza sostenuta e l'effetto sarà il medesimo: il ridimensionamento dell'ondata di caldo. Per quel che concerne nubi e fenomeni, beh, non preoccupiamoci. Se si eccettuano alcuni piovaschi pomeridiani su qualche zona appenninica, nelle aree interne insulari o nelle Alpi occidentali, sarà una splendida domenica di sole.
Lunedì stesso discorso. La sola differenza è che le temperature potrebbero risalire di qualche grado al Centro Nord, mentre al Sud insisteranno venti più freschi di matrice settentrionale.
Martedì giungerà il vero cambiamento. Un nucleo d'aria fresca instabile punterà le regioni Settentrionali, determinando un'ondata temporalesca piuttosto vivace. Temporali che dalle Alpi discenderanno in pianura, verso sera, accompagnati da qualche grandinata. Lo spostamento verrà incentivato dalle correnti settentrionali, quelle stesse correnti che porteranno a rapide schiarite. Mercoledì, infatti, si registrerà un netto miglioramento e le sole nubi significative si svilupperanno a ridosso dei rilievi.
Mercoledì che vedrà il nucleo instabile propagarsi al Centro Sud. Il risultato? Una spiccata instabilità condita da scrosci di pioggia e qualche temporale. Ovviamente, sottolineiamolo, caleranno le temperature. Un calo significativo, che dovrebbe ripristinare la normalità termica.
Cos'accadrà nelle giornate successive? Probabilmente avverrà una nuova espansione anticiclonica, ma meno consistente delle precedenti. Insomma, tornerà la Primavera.
(Ivan Gaddari, www.meteogiornale.it)

20230_1_1.png 20230_1_2.png
Precipitazioni per domenica 10 Precipitazioni per mercoledì 13
20232_1_1.png 20232_1_2.gif
Crollo termico In Italia per mercoledì 13: -15°C rispetto a oggi Crollo termico in Europa rispetto ad oggi

 

 

 

La Redazione Fossombronemeteo


LEGGI ANCHE:
Caldo senza precedenti: ritorno alla normalità da scontare con un vigoroso crollo termico
Fine del caldo anomalo sull'Europa Occidentale e sull'Italia: temperature in crollo specie sulle Alpi e sulle zone interne. Il graduale crollo del voluminoso e rovente anticiclone nord-africano offrirà il varco a correnti d'aria più fresca, in linea con l'attuale fase stagionale. La sfuriata fredda farà sentire i propri effetti in maniera più evidente dopo l'inizio settimana anche sull'Italia, vediamo con quali modalità.
ARTICOLO QUI: http://www.meteogiornale.it/notizia/20232-1-caldo-record-ritorno-alla-norma-tramite-un-brusco-calo-termico

Questa pagina è stata visitata 706 volte