ULTIM'ORA DEL 28/02/2011 ORE 15.59
SECONDA PARTE DELL'IRRUZIONE FREDDA: FREDDO E MALTEMPO, NEVE IN CALO DAI RILIEVI ALLA COLLINA!
Situazione barica di lunedì-martedì
Situazione barica per il fine settimana
Sta per cominciare la Primavera. Già. Domani è 1 Marzo e meteorologia vuole l'avvio ufficiale stagionale. Eppure di primaverile c'è ben poco. Tutto questo perchè la perturbazione dei giorni scorsi ha richiamato le fredde correnti dal Nord-Europa. Ora abbiamo una nuova perturbazione entrata dal Rodano bloccata sui mari peninsulari; un minimo di Bassa Pressione che stazionerà sull'Italia per più giorni, producendo ulteriori precipitazioni. Apporti d'aria fredda sul Nord Italia incentiveranno ulteriori nevicate a bassa quota, mentre un lento miglioramento è previsto a ridosso del weekend.

Al Nord fa freddo e nevica alle basse quote. Al Centro Sud si sta per verificare una pesante ondata di maltempo, che segnerà in particolar modo le regioni dei versanti ionico e adriatico. Insomma, le condizioni meteo che accoglieranno l'alba primaverile non saranno propriamente le migliori. E' giusto sottolineare che Marzo, sovente, può assumere le veci invernali. Non c'è da stupirsi, quindi, se la neve riesce a raggiungere le aree pianeggianti. Perlomeno al Nord Italia.

PREVISIONI PER L'ITALIA
LUNEDI' (oggi) E MARTEDI' (domani) - Stamane, ad esempio, nevica abbondantemente nel Cuneese e la neve è riuscita a spingersi alle porte del Torinese. Diciamo che quel che accadrà oggi rappresenta un semplice antipasto. Come detto, l'ingresso perturbato sta scavando un minimo di Bassa Pressione in posizionamento a ridosso della Sardegna. La rotazione del minimo incentiverà una ventilazione prettamente orientale: al Nord Italia verrà richiamata aria fredda dall'Europa orientale, altrove giungerà una circolazione più mite ed estremamente perturbata sciroccale. Significa che il Sud Italia verrà interessato da condizioni di pesante maltempo. Il rischio di locali nubifragi appare concreto, anche perché i rovesci risulteranno persistenti e spesso a carattere temporalesco. Calabria, Puglia, Basilicata, ma anche sud della Campania, Molise e Abruzzo. Pioverà anche nelle altre regioni e inizialmente potrebbero verificarsi forti rovesci nella Sicilia orientale. Per quel che concerne la quota neve, ovviamente è attesa in rialzo. Nevicherà copiosamente oltre i 1500 m, ma la quota potrà essere inferiore nell'Appennino centro settentrionale. Al Nord prevarranno condizioni di variabilità. Su basso Piemonte, in Liguria e sull'Emilia Romagna vigerà un regime di instabilità con associate precipitazioni nevose a bassissima quota. Localmente sin verso il piano. I fenomeni potranno spingersi verso la bassa Lombardia e il basso Piemonte.
MERCOLEDI' E GIOVEDI' - Nelle giornata successive permarrà una vivace instabilità su tutto il Centro Sud e nelle Isole. La quota neve calerà nuovamente e si attesterà attorno ai 1000/1200 m. Ulteriori fenomeni potranno attardarsi anche su Emilia, Liguria e Basso Piemonte, mentre sul resto del Nord non mancheranno abbondanti schiarite.
FINE SETTIMANA (Da Venerdì a domenica) - Nel prossimo fine settimana si affaccerà un miglioramento. Le schiarite diverranno ampie e diffuse prima al Centro Nord, poi anche al Sud e nelle Isole (dove però inizialmente avremo del diffuso maltempo). Il merito del miglioramento sarà ascrivibile ad un campo di Alta Pressione che si posizionerà sull'Europa centro occidentale, mentre ad est si instaurerà una circolazione d'aria gelida.
SETTIMANA PROSSIMA - L'inizio della settimana successiva (lunedì 7) potrebbe riportare condizini di freddo acuto ma non è dato sapere se in pieno regime stabile e secco o se caratterizzato da instabilità (piovaschi e rovesci nevosi fino a quote basse) sui settori adriatici.

19926_1_mar 1.png pioggia24h_mer 2.png
Precipitazioni previste per martedì 1 Precipitazioni previste per mercoledì 2
pioggia24h_gio 3.png 19926_1_ven 4.png
Precipitazioni previste per giovedì 3 Precipitazioni previste per venerdì 4

FINESTRA SU FOSSOMBRONE
Sulla nostra zona la bassa pressione sull'Alto Tirreno sta portando condizioni generali di maltempo. Tra oggi e domani il cielo si presenterà molto nuvoloso o coperto, con piogge moderate e neve solo sopra i 1100-1300 m; questo a causa del richiamo di deboli e miti correnti da SW che alzeranno le temperature sia in pianura e a Fossombrone (fino a 7-9°C di giorno e 5-6°C di notte), che sui rilievi (fino a 0°C a 1300 m). Da martedì sera, invece, la traslazione della bassa pressione su Basso Tirreno e Sud-Italia permetterà ai venti di ruotare a N-NE e, conseguentemente, alla temperatura di scendere sensibilmente fino a 2-3°C; ciò farà in modo che tra martedì notte e mercoledì la pioggia possa traformarsi in neve fin dalle quote di alta pianura (settori interni quali Acqualagna, Cagli, Cantiano, etc...) o bassa collina (Sant'Ippolito, Colle dei Cappuccini, Furlo, Urbino, Cesane), mentre a Fossombrone potrebbe scendere per tutta la giornata della pioggia mista a neve, con alternanza di brevi periodi tra neve pura, rovesci di pura pioggia e pioggerella fina. Nei giorni successivi, invece, lo spostamento della bassa pressione ancora più a sud porterà prima delle deboli residue precipitazioni (giovedì), con neve fino a 400 m, e poi un graduale ritorno del tempo stabile (weekend con sole, nuvole e schiarite). Alla fine del peggioramento si potrebbero contare fino a 40-50 mm sulla zona di Fossombrone, mentre gli accumuli nevosi potranno essere discreti sopra i 400-500 m (fino a 20-25 cm sulle Cesane), copiosi sui 1000 m (40-50 cm su Paganuccio, Pietralata) e decisamente abbondanti sopra i 1200 m (70-90 cm su Catria, Nerone, e Carpegna)!

Ai prossimi aggiornamenti......

 

 

 

 

 

La Redazione Fossombronemeteo


Articolo tratto da www.meteogiornale.it e rivisitato da Fossombronemeteo 

Questa pagina è stata visitata 308 volte