Nevicate nel novembre 1979

UN METRO DI NEVE SU CATRIA E NERONE – GIA’ LIBERATI I VALICHI APPENNINICI

Dopo le bufere di neve di sabato e domenica la situazione è tornata tranquilla anche nell'entroterra dove nelle prime ore di ieri mattina le strade sono state aperte al traffico, pur permanendo alcune difficoltà nelle zone più elevate dov' è obbligatorio ricorrere alle catene. In particolare le arterie che richiedono questa attrezzatura sono la Marecchiese da Ponte Messa al Passo di Viamaggio( 983 metri), la 73 bis da Borgo Pace a Bocca Trabaria (1.049 metri), la statale 257 da Apecchio a Bocca Serriola (730 metri) e la Flaminia sulle rampe di Passo Scheggia. Anche altre strade montane sono interessate dalle precipitazioni nevose e da blocchi di ghiaccio: tra queste la Cantiano-Gubbio (la Contessa), la Piobbico-Urbania, la S. Angelo in Vado-Lunano, la Lunano-Carpegna, la Pennabilli-Carpegna e le strade che collegano S. Leo, Maiolo, Perticara, S. Agata Feltria.
Il manto nevoso supera i 20 centimetri a partire dai 250-300 metri di altitudine; a Villagrande ci sono 50 centimetri di neve, un metro all’Eremo di Madonna del Faggio, 60 centimetri a Passo di Pugliano, 70 centimetri a Passo Cantoniera, dai 60 ai 100 centimetri sulla Perticara - S. Agata Feltria dove alla Botticella si sono avuti diversi cumuli che hanno bloccato la circolazione per alcune ore. Neve anche su monte Nerone (un metro) e sul gruppo del Catria (oltre un metro). A Frontone ci sono alcuni centimetri, e così a Cagli, Cantiano.
I Carabinieri di Novafeltria hanno operato diversi interventi soprattutto in direzione di Passo Cantoniera, Mercatino Conca e Perticara, per trarre d'impaccio diversi automobilisti e per soccorsi di persone ammalate. Nella mattinata di ieri il cielo si è rasserenato, è comparso il sole, la temperatura si è mantenuta nel complesso abbastanza rigida; gli spartineve dell'amministrazione provinciale e quelli dell'Anas si sono messi al lavoro; quelli di imprese private hanno atteso il rinnovo dei contratti d'appalto da parte degli enti pubblici; in giornata si è risolta ogni divergenza e il traffico è tornato scorrevole quasi ovunque.
Per quel che riguarda i campi da sci risultano ormai pronti gli ski-lift dell'Eremo e di Villagrande, che probabilmente potranno funzionare questa settimana.

Da: “Il Resto del Carlino” del 13–11-1979


FONTE:
Poggiani L. e Volpini P. - Nevicate dal 1971. In: La Valle del Metauro - Banca dati sugli aspetti naturali e antropici del bacino del Metauro. Ed. Associazione Naturalistica Argonauta e Comune di Fano, Fano (PU). Sito Web: www.lavalledelmetauro.it (consultato il 28/02/2008).

Questa pagina è stata visitata 298 volte